100 scuole per l’inclusione di tutti gli studenti

Si svolge a Milano presso l’Hotel Una Tocq il 10-11 aprile 2010 il workshop di formazione per operatori ed operatrici Arcigay, intitolato “Bullismo omofobico: istruzioni per l’uso”.

Si tratta della sesta e ultima tappa di un lungo percorso durato un anno, che ha toccato anche Genova, Napoli e Bologna, inserito nel progetto nazionale Arcigay Interventi di prevenzione contro il bullismo a sfondo omofobico, finanziato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

“Grazie alla formazione ricevuta in questi mesi i 50 operatori provenienti da tutte le sedi Arcigay hanno già realizzato un centinaio di laboratori di educazione alle differenze in diverse scuole superiori della Penisola,
riscontrando risultati a volte entusiasmanti, ma anche alcuni episodi
di pregiudizio, soprattutto da parte dalle istituzioni scolastiche e
dai genitori.” – raccontano i responsabili del progetto Marco Coppola e
Fabio Saccà – “Ora Arcigay ha la più strutturata rete di educatori sui temi dell’inclusione lgbt e dell’identità sessuale in Italia, che potrà spendere ancora negli anni per formare migliaia di studenti e studentesse”.

“La risposta da parte degli studenti è spesso appassionata e mette in
evidenza il silenzio ancora assordante presente nelle nostre scuole su
tematiche attinenti la sessualità e soprattutto la carenza di strumenti di relazione che permettano di eliminare i presupposti alla base del bullismo.” – concludono Coppola e Saccà.

I dati complessivi sugli interventi di quest’anno e i risultati della
prima ricerca nazionale sul bullismo omofobico nella scuola secondaria
italiana – Scuole Arcobaleno – saranno presentati entro maggio in un evento pubblico.

La scuola italiana, purtroppo, non è ancora un luogo sicuro per giovani lesbiche, gay, bisessuali e transgender e gli episodi di bullismo omofobico e transfobico alimentano stanze già
sature di intolleranza e di paura.” – dichiara Maura Chiulli,
responsabile nazionale Scuola di Arcigay – “Vogliamo continuare la
nostra azione concreta per fare sì che la scuola che sia inclusiva di
tutte le identità, allo scopo di prevenire il disagio di studenti e
studentesse, che proprio all’interno della scuola o nel gruppo dei pari
sono oggetto di pregiudizio, discriminazione e in alcune non rare
occasioni, bersagli di veri e propri atti di violenza.”

Venerdì 09/04/2010 da in , , , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su