8 cose che solo chi è gay a Milano può capire


8 cose che solo chi è gay a Milano può capire

Schermata 2015 04 20 alle 18.46.27

Essere gay a Milano cosa vuol dire? Se sei gay e stai per trasferirti a Milano, leggi prima questi 8 punti per avere il quadro della situazione che ti aspetta. Che è fatta di cose positive, sì. Ma non solo!

—>


1. Milano è piena di gay.

Mono Milano

Letteralmente. Se arrivi da un piccolo paese di provincia, ti sembrerà di essere arrivato in paradiso.


2. Ci sono i modelli maschi. Non è una leggenda.

Modelli a Milano

Milano si riempie di modelli maschi bellissimi almeno due volte l’anno, ma in generale ne vedrai sempre tantissimi, soprattutto in centro e nei paraggi delle loro agenzie, che sono tantissime e ben distribuite su tutta l’area urbana!


3. I gay di Milano se la tirano.

Schermata 2015 04 20 alle 19.03.11

I gay di Milano lungi dall’essere una comunità variegata e policroma, si uniformano tutti nell’aspetto, finendo per assomigliarsi tutti. Stesso stile, stessa barba, stessi accessori, stessi interessi e in generale stessa menosità (“O sei come noi o non sei un gay di Milano, ergo, non ti consideriamo”.)


4. I gay di Milano li trovi sempre negli stessi locali

Magazzini

Un po’ come un’unica grande famiglia, che però – per dirla alla milanés “non ti caga di striscio” (ti ignora, ndR).


5. Vivere a Milano ed essere gay significa essere sempre senza soldi.

Shopping a Milano

(Nell’immagine, alcuni quartieri dello shopping che comunque è dappertutto). Le possibilità di shopping per un ragazzo gay sono infinite. Resistere? Impossibile. Tutto in questa città è progettato per darti modo di buttare un po’ di soldi. Questa è la capitale della moda, del design e delle cose costose in generale. Ma pure delle cose poco costose. Le cose che insomma, in genere, a noi piacciono tanto. E poi c’è la palestra. E il parrucchiere. E non parliamo di aperitivi, serate, eventi…


6. L’offerta è tanta ma la concorrenza è alta.

Vergine

E’ vero che ci sono tanti gay, ma sono particolarmente menosi (vedi punto 3). Per rimorchiare a Milano dovrai uniformarti nello stile e andare in palestra (vedi punto 5). Tutti i gay di Milano vanno in palestra.


7. Tutti i gay under 35 a Milano fanno un lavoro figo, creativo e di solito pagato pochissimo.

lavoro creativo

La capitale dei lavori creativi. Che di solito c’entrano sempre con: i social, la tv, la moda e gli eventi. Il problema è che questi lavori così belli li vogliono fare tutti…


8. E’ il paradiso delle frociarole.

frociarole

A Milano ci sono milioni di frociarole, si mormora 7 per ogni ragazzo gay. Perennemente single o in crisi col fidanzato, affollano le serate gaie, sono ottime compagne di shopping e preziose dispensatrici di dritte sentimentali.

Lunedì 20/04/2015 da Fabio Genovese

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su