Adriano Sofri e le radici dell`omofobia: `noi eterosessuali e la modernità del razzismo contro i gay`

Adriano Sofri Su La Repubblica traccia un’analisi precisa e sottile di quella che non è un odio antico verso i diversi, ma l’espressione della più bieca e spaventosa modernità. Vi proponiamo alcuni passaggi del suo articolo e vi invitiamo a leggerlo SU REPUBBLICA ON LINE >>>

"(…) l’odio contro i gay non ha mai conosciuto tregua, e non ne conoscerà per molto tempo ancora. Non mi convince l’idea della continuità. Mi pare che tutti i fenomeni del peggiore arcaismo e patriarcalismo, a cominciare dagli ammazzamenti di donne, abbiano un carattere modernissimo, siano insieme avanzi di passato e sintomi del mondo nuovo. (…) E a complicarle ulteriormente sta l’intreccio fra la posizione assunta dalla Chiesa in questo frangente, la posizione ufficiale e tradizionale della Chiesa sull’omosessualità, e lo speciale riparo di fatto offerto dalla Chiesa all’omosessualità (e, altra questione, alla cosiddetta pedofilia). Non è facilissimo tenere assieme il rigoroso e sdegnato ripudio dell’invadenza nella vita privata delle persone e la condanna delle loro private vocazioni sessuali. Le oscillazioni di questi giorni (ancora lievi, peraltro) nell’atteggiamento della gerarchia cattolica, spiegate acutamente dagli esperti con le diverse linee politiche concorrenti, sono anche in qualche misura legate a quella contraddizione. (…) "Noi eterosessuali" dobbiamo pur pensarne qualcosa. Se non altro, per decidere se stiamo o no uscendo anche noi per andare a manifestare. Una volta, quando eravamo di sinistra e c’era la sinistra (di sinistra siamo ancora, molti di noi, la sinistra però non c’è più, o quasi), ci dicevamo che virilismo e omofobia sono connotati decisivi dei fascismi – magari per mascherare o rimuovere un’omofilia temuta – e dunque battersi per i diritti di gay e lesbiche era un capitolo del dovere antifascista. Oggi la correttezza politica dà così per ovvia la tolleranza nei confronti delle diverse predilezioni sessuali che la questione è pressoché accantonata. Le aggressioni contro i gay si moltiplicano, i gay rispondono, le autorità, per lo più maschie, hanno il gay village e la gay street cui far visita con le telecamere.

E così via. A ciascuno il suo. (…)
Un tempo l’omosessualità era dannata come un peccato contro la specie e l’imperativo della riproduzione. Oggi non si può più trattare del "disordine sessuale" come di un attentato alla natalità, non esplicitamente. Ma sentirlo come un tradimento della famosa identità, l’indizio più scoperto della resa effeminata dell’invaso all’invasore, una quinta colonna del mondo povero e giovane e famelico che preme per cancellare i confini, questo può succedere, succede".

CONTINUA A LEGGERE SU REPUBBLICA ON LINE >>>

redazione@gay.tv

Giovedì 03/09/2009 da in

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su