Aids: un vaccino italiano cura i pazienti

La ricerca contro l’Aids sembra fare passi avanti verso la totale guarigione dei pazienti ed è tutto merito di una ricerca italiana condotta da Barbara Ensoli.

La Ensoli lotta da anni per la sperimentazione di un vaccino contro l’Aids basato sulla proteina Tat che per ora sembra funzionare fino a dare risposte immunitarie che riportano alla normalità i pazienti con infezione da Hiv trattati con terapia antiretrovirale.

Sono questi i risultati dei test effettuati su 87 malati che stanno comunque prendendo i farmaci, che la rivista scientifica PlosOne ha deciso di rendere pubblici. Questo studio è iniziato nel 2009 tra le polemiche, ma fortunatamente i volontari e i medici hanno deciso di andare avanti nella sperimentazione fino ad ottenere oggi dei risultati concreti.

A 48 settimane dalla prima vaccinazione la proteina Tat è quella che porta più giovamento nei pazienti, soprattutto quelli più immunocompromessi, riducendo significativamente le alterazioni del sistema immunitario indotte dall’infezione Hiv.

Un buon risultato per una ricerca tanto contrastata, che invece apre degli spiragli, in primis per tutti i pazienti volontari, seguiti anche dal punto di vista psicologico durante tutta la terapia, come sottolineano la Ensoli e Alessandro Poto di Arcigay.

Vedremo se ci saranno degli sviluppi, sperando di raggiungere un vaccino definitivo.

Venerdì 12/11/2010 da in , , , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su