Aiuto: ho un figlio gay!

Quando eravate piccoli desideravate giocare con la Nouvelle Cousine di vostra sorella più che con il camion dei pompieri? E voi, giovani lesbiche, avete mai desiderato un elmetto piuttosto che una trousse di trucchi? Se la risposta è sì, il vostro destino gay era scritto fin da quando eravate in fasce.

A dirlo è tale Jesse Bering, psicologo (gay) professore della Queen University di Belfast, che recentemente su Scientific American ha pubblicato un suo saggio (che potete leggere qui) su come quelli che lui definisce come “varianti comportamentali di genere” (ad esempio, bambine che giocano con il camion dei pompieri e bambini che giocano con le bambole) siano dei segnali premonitori che un bambino diventerà gay nell’età adulta.

Ovviamente, la pubblicazione è da prendere con le pinze e lo stesso Bering precisa che questa “inversione” di gioco può essere considerata come un “buon segnale indicatore” ma non di certo come una teoria scientifica e incontrovertibile.

Infatti, oltreoceano, l‘ironia degli americani non si è fatta aspettare. Dalle pagine di Gawker, Brian Moylan lancia una curiosa provocazione, intitolando un suo editoriale “Come scoprire se il tuo bambino è gay“. Al suo interno, una lista di esilaranti luoghi comuni e prese in giro a commento delle affermazioni di Bering, che sembrano ben lontane dalla scientificità ma che si prestano perfettamente ad essere sacrificate sull’altare dell’ironia.

Ecco secondo Brian, e secondo Gawker, la lista di segni premonitori:

- Il vostro bambino dopo essersi fatto il bagnetto decide di prendere un’asciugamano gialla, arrotolarsela sopra la testa a mo’ di turbante e vi informa che da ora in poi risponderà solo se lo chiamerete “Sarah“.

- La vostra bambina durante le lezioni di danza passa più tempo a controllare se la sbarra è fissata saldamente al muro e con che tipo di bulloni, piuttosto che imparare a fare un jetè.

- Durante il primo allenamento di baseball, vostro figlio chiede a tutti i suoi compagni di squadra se sono “ricevitori” o “lanciatori“.

- La prima cosa che c’è sulla lista dei regali di vostra figlia per Natale è un maglione di flanella.

- Non date retta al vostro organizzatore di eventi gay: un bambino che chiede per il suo nono compleanno di far cantare la leggenda di Broadway Betty Buckley alla sua festa, non è una cosa che accade spesso.

- Vostra figlia insiste per dormire SOPRA e non SOTTO la coperta di Dora l’Esploratrice.

- Quando vostra figlia gioca al dottore, fa finta di essere un medico molto fastidioso con problemi di dipendenza da farmaci che va in giro con un bastone e si fa chiamare “House”.

- Non importa se gli piace il football: se vostro figlio ha un’ossessione per Tom Brady o Mark Sanchez, è sicuramente gay. Lo stesso vale per vostra figlia.

- Vostro figlio vi dice che per Halloween vuole travestirsi dal suo idolo: Cher.

- Se avete intenzione di comprare una salopette di jeans a vostra figlia, tanto vale che la corrediate con un CD di Carmen Consoli.

- Se trovate vostro figlio che si mette le scarpe con il tacco di sua madre non vuol dire che sia gay! Se invece sta indossando i tacchi a spillo di sua madre, allora sì.

- Vostro figlio vi chiede un taglio alla Justin Bieber: vale sia per bambini che per bambine.

- Il destino è beffardo: se mai avete votato per un politico omofobo, vostro figlio sarà sicuramente gay.

Mercoledì 29/09/2010 da in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su