Alex Marte: “Vi racconto com’è il sesso per una pornostar fuori dal set” – INTERVISTA

Alex Marte Alessio Poeta intervista

(di Alessio Poeta)

Guardi Alex Marte e pensi: “Ma questo chi diavolo è?”. Effettivamente il volto non è che sia proprio la parte più conosciuta. E neanche quella più desiderata. Anzi. Diciamo che il talento che riconosciamo ad Alex è quello che vorremmo trovare sempre nei nostri rispettivi partner, ma che per ironia della sorte, non troviamo mai. In tempi di successi europei, dobbiamo pur riconoscerci anche un altro traguardo. Alex porta “alta” la bandiera del made in Italy in giro per il mondo. A dirla tutta è la sua di bandiera, ma è sempre gratificante pensare che sia anche un po’ nostra. Se ancora non avete ben capito di chi stiamo parlando, vi consiglio di fare prima un giro su Youporn e poi di tornare qui. Leggendo scoprirete che nel suo curriculum spuntano anche un paio di premi come rivelazione dell’anno e come Best Duo in compagnia di Bruno Knight. Chi avrebbe mai pensato che anche nel mondo del porno potessero esistere dei veri e propri Oscar?

Cosa ci sarà dietro questo Maschio di centonovantuno centimetri per 110kg di muscoli? Avrà mai ricevuto qualche no?

Tra un set e l’altro, riesco a raggiungerlo e credetemi non è stato poi così facile.

Come sei arrivato al porno?

alex marte sorride

In realtà è nato tutto per gioco. A Roma il regista Lucas Kazan aveva organizzato dei provini ed ho deciso di partecipare per scommessa con il mio amico Filippo Romano e, non lo nego, anche per vanità.
Dopo il provino sono stato chiamato per un call back in Sicilia, ma le proposte non erano così convincenti e mi sono fermato. Da li a poco è arrivato il servizio fotografico per il magazine DNA (#108), in cui ho posato come simbolo italiano all’estero. Poi è arrivato Nacho Silva, agente di fama mondiale, che mi ha procurato due provini per Kristen Bjorn e Menatplay. Ho subito firmato un contratto di esclusiva e dopo soli tre mesi ho vinto due premi: il Best New Comer of the years e poi il premio con Bruno Knight.

Come ha preso la notizia la tua famiglia?

Lo vennero a sapere a causa di una mia ex la quale, vittima di gelosia, cercò di mettermi in difficoltà. Peccato che invece i miei furono così curiosi ed entusiasti che tutt’oggi continuano a seguirmi sul mio profilo Facebook. Orgogliosi soprattutto della mia carriera da modello.

C’è stato qualcuno nella tua vita privata che ti ha voltato le spalle?

Si. Dopo cinque anni di relazione, il mio ex, geloso delle amicizie nate sui set, mi ha lasciato nel giorno in cui gli regalai l’anello di fidanzamento. Tutto questo è accaduto tramite sms. E parliamo di un uomo di cinquanta anni.

Si guadagna bene a fare la pornostar?

Alex Marte 2

Se facessi un confronto con un impiegato delle poste, sì. Una volta i compensi erano molto più alti, ma ora, per via della crisi e per la diffusione del porno pirata sul web, i cachet sono scesi di tanto. Inoltre sono spuntati centinaia di giovani attori, disposti a lavorare per pochi soldi. Sia sui set che nei live show.

Qual è il film dove pensi di aver dato il meglio di te?

“Captive” della Menatplay con Samuel Colt. Anche se ti confido che se girassi altri film con Samuel entrerebbero sicuramente tutti tra i miei preferiti.

Captive

Come si giudica un buon pornoattore?

Sul set un buon attore deve avere grande capacità di concentrazione e d’interazione con il partner. Bisogna isolarsi dall’intera troupe che può creare fastidio ed imbarazzo, compromettendo la riuscita della scena. Invece, nella vita di tutti i giorni, un buon pornoattore non deve dimenticarsi di essere una persona qualsiasi, ricordandosi sempre dei suoi ammiratori. Ovviamente alla base di tutto ci devono essere
originalità e carisma.

Nel sesso gay le dimensioni contano?

Ma perché nel sesso etero, non contano?

A che età pensi di mollare tutto?

Quando il mio corpo mi dirà stop. Sono molto esibizionista, quindi non penso di fermarmi anche quando sarò più grande. Ad ogni modo devo ancora raggiungere la maggiore età , quindi la mia carriera è tutta in salita.

(ride, ndr).

E poi cosa pensi di fare?

Ho sogni e desideri, che cerco di realizzare giorno per giorno. Per scaramanzia però, preferisco non dire nulla.

Hai trovato difficoltà negli anni ad incontrare persone che andassero oltre il sesso?

No. Credo dipenda tutto da come ci si relaziona con le altre persone. Ho sempre avuto bella gente intorno.

Hai mai ricevuto un NO per il lavoro che fai?

Sì, è successo. Soprattutto in Italia per via della chiusura mentale che ci ritroviamo. E’ una scelta dura d’accettare quella del porno. A parole sono tutti moderni, poi in realtà si rivelano tutti bigotti.

Sei innamorato?

Alex e Rod

Sì e conviviamo. Lui è un veterinario…Ed è l’unico medico che riesce a curare la bestia che è in me.

Nel tuo privato, il sesso, come lo vivi?

Lo vivo benissimo, senza nessuna stanchezza. Il sesso sul set non è il sesso nel privato. Quella è tutta tecnica. Nel privato è istinto e passione.

Com’è la tua giornata tipo?

La mia è una giornata normalissima. Vado in palestra con i miei amici e con il mio ragazzo. Ogni giorno faccio un po’ di giardinaggio. Amo correre in riva al mare, passeggiare e andare al cinema. E quando posso mi piace “sgarrare” mangiando chili di gelato.

Manca poco al Gay Pride. Da sempre Criticato per i troppi corpi nudi e trasgressivi. Che risposta dai a chi critica questo esibizionismo?

Dietro quell’abbigliamento trasgressivo c’è un significato che va aldilà del semplice corpo nudo. Inoltre non è detto che un corpo nudo sia necessariamente sinonimo di volgarità. Il corpo è uno strumento di comunicazione e sta a noi decidere come usarlo. Non dimentichiamoci che siamo nati tutti nudi davanti a Dio. Io il 7 giugno prenderò parte al Pride romano. E sono orgoglioso di esserci. Subito dopo, per chi volesse, sarò al Celebration Party di Muccassassina.

Alessio Poeta



Credits immagini:
1. Photo courtesy of Marco J. REYER, Styling and post production Michele ANGIULI. Model: Alex MARTE for Europride and Muccassassina
2. Alex Marte, Editoriale per OH MY GOD Spain. Foto Roberto Chiovitti.
3. Alex Marte, BEATBEAR NAVIGAY Boat Party, Malta
4. CAPTIVE – Alex Marte & Samuel Colt for Menatplay
5. Alex&Rod, vita privata, per gentile concessione.

Mercoledì 28/05/2014 da alicema in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su