Alfonso Signorini: “Io gay dico sì al matrimonio e no all’adozione per le coppie omosessuali”

Alfonso Signorini: “Io gay dico sì al matrimonio e no all’adozione per le coppie omosessuali”

Non abbiamo mai avuto particolare simpatia su questo sito nei confronti di Alfonso Signorini. E la sua ultima dichiarazione, rilasciata a proposito del via libera del primo ministro francese Jean-Marc Ayrault a matrimoni e adozioni gay nel 2013 in Francia, non ci fa cambiare di certo idea.
"Sono contrario alle adozioni riservate alle persone dello stesso sesso. Io parlo da omosessuale ma penso che il bambino abbia bisogno di una figura materna e una paterna".
Così Signorini presso il Circolo della Stampa di Milano. Diversamente sui matrimoni gay:
"Ritengo sia giusto che due persone dello stesso sesso che si amano possano scegliere di sposarsi nel proprio Paese, anche se io non lo farei mai, perché sono contrario all'istituzione del matrimonio, anche tra un uomo e una donna".
Per poi lanciarsi in una riflessione più ampia sulla situazione italiana:
"Piuttosto che pensare alla legalizzazione delle unioni gay, io mi batterei su quella delle coppie di fatto, che da noi sono totalmente prive di diritti. È questa la vera barbarie e noi siamo davvero ai tempi della preistoria: se non abbiamo conquistato l'abc, non possiamo andare alla zeta".
Viene da chiedersi se Signorini conosce le storie dei tanti genitori omosessuali e delle famiglie gay, ultime in ordine cronologico le coraggiosissime Francesca Vecchioni con la compagna Alessandra e le loro gemelline in copertina su Oggi, che amano i loro figli più di tante coppie sposate eterosessuali.

E soprattutto, se Signorini ha presente cosa significano le parole diritti civili.

Lunedì 09/07/2012 da in , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su