Anna Tatangelo: “Con Muchacha vi farò ballare tutta l’estate” – INTERVISTA

Tatangelo e Poeta

(di Alessio Poeta)

Dimenticatevi della Tatangelo. E della “Lady Tata” di X Factor. O perlomeno provateci. Lei da quest’anno è semplicemente Anna.

Una giovane mamma di ventisette anni. E forse sono proprio quei “27″ a stonare su quel corpo perfetto di un metro e settantacinque. Ci sono cantanti che a sessant’anni ancora sperano di far un disco. E lei, l’ex ragazza di periferia, in pochi anni ha inciso cinque dischi. Ha partecipato a sei Sanremo, scritto un libro ed è stata anche coach ad X Factor. Ed ora, come se non bastasse, è anche un’icona gay.

Quando la raggiungo al telefono è indaffarata per il lancio del suo nuovo singolo “Muchacha”, che avverrà tra qualche giorno. E’ felice. Ha la voce di una donna che sa quello che dice. Mentre mi parla si sente la voce del piccolo Andrea, nato dalla storia d’amore con il cantante Gigi d’Alessio, con il quale Anna convive da circa dieci anni. “Andrea è la mia vita” racconta Anna, e aggiunge “Con la sua nascita ho capito realmente quali sono le cose importanti della vita e alle critiche rispondo con un sorriso”.

Che fine ha fatto la Tatangelo?

Anna Tatangelo 4

Mi ero stancata di essere “la Tatangelo” piuttosto che “Lady Tata”. Anna è più familiare. E’ più amichevole. Abbatte tutte le barriere.

Anna, a quando l’uscita del tuo nuovo disco?

Non c’è ancora una data precisa. Massimo per i primi dell’anno dovrebbe essere pronto. Abbiamo cambiato strategia nella promozione. Facciamo due anticipazioni, la prima è stata con Senza Dire Che, scritta da Kekko dei Modà e dalla prima settimana di luglio sarò in promozione con “Muchacha”.

Scusa? Muchaca?

Sì, sarà un brano che spero possa diventare il nuovo tormentone estivo. E tutto un gioco di ammiccamenti. Abbiamo girato il video sette giorni fa. Girato in pochissimo tempo per la regia del grande Gaetano Morbioli. Sarà un video dal colore americano.

nuovo video Tatangelo


Quale sarà il tema del nuovo album?
L’Amore in chiave rock. Nei dischi passati ho parlato di tutto: anoressia, omofobia, femminicidio. Non c’era niente di costruito. Non c’era niente di ricercato per far parlare i media. Cantavo quello che vivevo. Ho cantato una canzone che parlava di amore gay dedicata al mio amico Claudio. Poi in Rose spezzate ho affrontato il tema delle violenze sessuali che molte donne, nella realtà contemporanea, sono costrette a subire. E’ nato assieme al progetto Doppia Difesa di Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno.

Pensi di partecipare alla prossima edizione del Festival di Sanremo?

Anna Tatangelo 1

Io amo il Festival. Devo tutto a lui. Mi piacerebbe anche se ora, ad onor del vero, non ho un pezzo pronto. Chissà che nella realizzazione del disco non esca fuori qualcosa che mi faccia esclamare “ce l’ho”!

Sei da sempre criticata per il tuo look e per la tua storia con Gigi. Quanto i social ti stanno aiutando a farti vedere in un modo diverso?

Tantissimo. Mi piace condividere tutto. Senza mai esagerare e rispettando sempre la privacy di mio figlio. Mi piace mostrarmi senza trucco. Mentre faccio le faccende. Mostro realmente quella che è la mia dimensione di tutti i giorni.

Nella canzone Il mio amico cantavi: “Il mio amico cerca un nuovo fidanzato, perché l’altro già da un pezzo l’ha tradito”. Il mondo gay è così promiscuo come lo dipingono?

Io negli anni ho imparato a non giudicare. Esistono gay e gay. Come etero ed etero. Ci sono gay timidi e gay baracconi nell’accezione bonaria del termine. Ognuno vive la sessualità in un modo diverso.

L’importante è stare bene con se stessi senza fare male al prossimo. Con la canzone Il Mio Amico, molti ragazzi non si sono sentiti rappresentati quando parlavo di trucco. Altri, invece, ne hanno fatto un inno.

Ti sei mai chiesta come mai così tanto seguito dal popolo gay?

Anna Tatangelo 3

No. Non me lo sono mai chiesta perché non faccio mai questi distinzioni. Posso solamente dire che sono molto lusingata.

Secondo te c’è qualche errore che fa il popolo LGBT nella richiesta dei diritti?

No. Non ho nulla da dire sulle vostre battaglie e richieste. Il vero problema sono le scuole. Bisogna intervenire subito contro il bullismo e l’omofobia.

Hai mai parlato di omosessualità con tuo figlio?

No, Andrea ha soli quattro anni. Quando arriverà il momento lo farò nel modo più naturale possibile. Anche se credo che questo continuo parlare di etero, non etero, gay, non aiuti troppo. Viva l’amore libero. Senza confini. Senza etichette.

Un libro. Cinque Sanremo. Sei dischi. Ballando con le stelle e X Factor. Rifaresti tutto?

Rifarei tutto, tutto, ma proprio tutto. L’unico rimpianto è il non essermi vissuta bene tanti passaggi della mia carriera. Mi sarei potuta godere molti più momenti. Invece soffrivo. Avevo paura dei media. Oggi sorrido grazie ad Andrea che mi ha fatto capire qual’è il senso della vita.

Non ti pesa mai essere Anna Tatangelo?
Scherzi? Spero di esserlo per sempre. Ringrazio ogni giorno Dio per tutto quello che mi ha dato.

Hai recentemente partecipato al concerto di Alessandra Amoroso a Roma. Hai amiche donne nel mondo della musica?

Io ho pochi amici. Pochi ma buoni. Quando diventi mamma hai altre priorità. Hai un compagno. Un lavoro. Una casa e una cucina. Purtroppo con le colleghe non è sempre facile vedersi. E’ tutto più complicato. Io sono a Roma loro magari a Milano. Ad ogni modo Alessandra è una bellissima persona, come lo è anche Bianca Atzei. Due artiste bravissime.

Quando Selvaggia Lucarelli scrive: “La Minetti incinta. Del figlio di D’Alessio. Quindi la Tatangelo diventa nonna. Che poi lo sia sempre sembrata sono dettagli”, cosa pensi?

Anna Tatangelo 2

Penso che non ha proprio niente da fare. Ma di questa faccenda non voglio parlare.

Alessio Poeta

Giovedì 19/06/2014 da alicema in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su