Bergamo firma l’adesione alla Giornata Internazionale contro l’omofobia

Dalla più fredda e conservatrice pianura lombarda, Bergamo lancia
segnali di civiltà e di sostegno alla causa lgbt.
Martedì 13 ottobre
2009 il Consiglio Comunale ha firmato e approvato due mozioni: una
contro tutte le violenze
, ivi comprese quelle compiute per orientamento
sessuale e identità di genere e l’altra per aderire alla prossima
Giornata Internazionale contro l’Omofobia.

Le associazioni lgbt
locali hanno prontamente dimostrato il loro entusiasmo per
quest’apertura da parte dei vertici politici della loro città.
“Si
tratta di un grande successo: l’approvazione di queste due mozioni
rappresenta un passo più forte rispetto alle nostre aspettative che il
nostro comune compie nel condannare la violenza omofobica e transfobica
che sta colpendo il nostro paese”
dichiara Giulia Lorenzi di ArciLesbica XX Bergamo.
Mentre il presidente di Arcigay Cives Bergamo, Luca Pandini afferma che: “Il
Comune di Bergamo si assume la responsabilità di compiere azioni
culturali legate alla lotta contro l’omofobia per contrastare la
cultura dell’odio verso le persone ritenute più deboli. Per questo
ringraziamo tutti i 38 consiglieri che hanno approvato le mozioni”.

Infine è arrivato il commento di Aurelio Mancuso, presidente nazionale di Arcigay:“L’esempio
di Bergamo che ha votato all’unanimità, da destra a sinistra, un
impegno concreto deve essere da stimolo per i nostri parlamentari che
in questi giorni a Roma stanno dibattendo alla Camera la Legge contro
le violenze omofobiche e transfobiche”
che conclude con un buon suggerimento: “I deputati sia del centrodestra che del centrosinistra facciano come il consiglio comunale di Bergamo.”

Giovedì 15/10/2009 da

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su