Berlusconi, Michelle Obama e le battute per cui non ridono piu` nemmeno al bar sport

Quando all’indomani della storica vittoria el primo presidente afroamericano alla Casa Bianca, il provvido Silvio Berlusconi aveva lanciato la memorabile battuta "è giovane bello e pure abbronzato" (ah ah), nessuno aveva riso. Anzi. Le parole del nostro simpaticissimo premier avevano fatto il giro delle rassegne stampa mondiali, facendo scuotere la testa ai più rassegnati e scatenando l’indignazione di tutti gli altri.

Oggi il divertentissimo Silvio, non capacitandosi del fatto che il suo umorismo non fosse stato capito (forse i tempi non erano maturi) e che la sua battuta non avesse fatto spisciare la gente dal ridere, ha fatto come i peggio sfigati del bar. Quelli che, nel silenzio generale che scende sulla tavolata dopo una freddura tristissima, invece di dissimulare la figura di merda (affongandosi in un bianchino, commentando "oh come piove", fingendo di svenire), ripetono la battuta. La stessa. Che se prima non faceva ridere, ora fa anche girare le palle.
Così pochi giorni fa il nostro spiritosissimo premier ha deliziato la platea della Festa del Pdl (che, ahimé, appariva davvero deliziata) con il suo cavallo di battaglia: la strepitosa battuta sull’abbronzatura di Obama (ah ah). Che però stavolta presenta addirittura una variazione sul tema, aggiungendo al retrogusto (lieve) razzista della versione 1.0 anche una vena di maschilismo, essendo indirizzata alla moglie del Presidente degli Stati Uniti, Michelle.

"Lui è abbronzato, ma vanno insieme in spiaggia perchè è abbronzata pure lei" (ah ah – ma questa non è una risata ironica, è un rantolo) .
Che arguzia, che finezza, che uomo di mondo.

Dovrebbe sentirsi lusingata, Michelle (che tra parentesi, è venuta su nel ghetto), di essere oggetto di cotanta elegante spiritosaggine. Magari il faceto Berlusconi, in segno di apprezzamento, la inviterà presto aVilla Certosa per dimostrare a tutti i comunisti (eh, si sa, Il Times pullula di guardie rosse) che lui apprezza sinceramente le donne abbronzate (ah – questo era un conato di vomito).
Eppure Berlusconi (lo spassosissimo) avrebbe docuto capire che con Michelle non si scherza già dal loro incontro al G20.

Durante la cerimonia dei saluti ai capi di Stato la first lady americana ha abbracciato e baciato tutti in modo very friendly, ma ha cortesemente tenuto il brillante Silvio a distanza con una stretta di mano.

Ovviamente anche il cosmopolita Berlusconi non ha perso occasione di migliorare l’immagine dell’italiano nel mondo, e, con un’autentica espressione da merlo maschio e con tanto di gesti da Little Italy, ha dimostrato in modo sottile di apprezzare il vestito di Michelle (che oltretutto lo sovrastava di circa un metro e mezzo in altezza) mentre, per l’imbarazzo, Barack Obama impallidiva sotto l’abbronzatura (ah – questo era un singhiozzo).

Ora i bookmaker lanciano aprono lo scommesse : quale sarà la prossima vittima delle battute da bar sport (con tutto il rispetto per i bar sport) del dilettevole Silvio Berlusconi? Angela Merkel? Le figlie di Zapatero? Carla Bruni? Il Papa? (ahahahahaha – questa era una risata vera).

redazione@gay.tv

Mercoledì 30/09/2009 da in , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su