Berlusconi vs Bersani: barzellettieri allo sbaraglio

Piersilvio Bersani. O Silvio Bersanoni. O Pierluigi Berlusconi. Inverti l’ordine dei componenti, il risultato non cambia. Di stronzate è pieno il bacino della politica populista, quella da dare in pasto agli elettori. I quali, come una schiera di carpe dalla bocca larga, ritti in piedi riempiono ordinatamente le prime file dei convegni e delle feste di partito.

Se l’ultima ancora non la sapete, non disperate, sta ancora risuonando tra i tendoni di “Atreju”, la Festa romana di Azione Giovani. La storia fa più o meno così: c’era un Presidente del Consiglio italiano ad una festa di giovani impettiti, fieri nel loro nuovo completo di tweed. Tra una malriuscita occhiata alle tette della giovane studentessa del caso e una battuta (sarcastica, sia chiaro) sulla grandiosità di Adolph Hitler, il nostro dice “cercate un lavoro all’estero. Guardate all’Italia da Berlino o New York.

L’ho già detto una volta e sono stato criticato dalla sinistra: cercate un fidanzato ricco. Anche i ragazzi possono farlo, ma non equivochiamo: devono essere ragazze, altrimenti domani il titolo su ‘Repubblica’ sarà ‘Berlusconi è diventato gay’”. Applausi, risate monocordi e gran frusciare di giacche.

Par condicio vuole, però, che delle sane risate non siano risparmiate a nessuno. Perciò all’altra parte d’Italia, a Torino, Pierluigi Bersani, saputo dell’exploit comico del collega, deve aver pensato bene di gareggiare ad armi pari. Tirando fuori l’artiglieria pesante: “Il Pd sosterrà le leggi contro l’omofobia e per attribuire la cittadinanza italiana ai figli degli stranieri che nascono in Italia. Si cominci finalmente una politica per l’integrazione, si cominci dai figli degli immigrati, perchè oggi i bambini che nascono ogni anno in Italia non sono nè immigrati nè italiani“.

Sentite le dichiarazioni, Pippo Franco è apparso subito entusiasta. Per l’occasione si è regalato un giro di botox, ha dissotterrato Pamela Prati e ha riunito tutto il corpo di ballo di “La sai l’ultima?” (padri e madri di famiglia con un vero lavoro, ormai). Che nessuno osi lasciare a casa Valentina Persia, però.

Alessandro Papadakis

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su