Calciatori gay o bisex: “amore di gruppo con compagni di altre squadre”

Autogol dei calciatori italiani. Esistono o non esistono, immaginazione o realtà, i calciatori gay vengono messi alla berlina dai loro colleghi che sono abbastanza chiari nel dire che sì, anche nel machista calcio ci sono calciatori gay e bisessuali.

Un dato di fatto abbastanza naturale per noi, che non meriterebbe di certo una sottolineatura, ma nel mondo del pallone l’omosessualità è ancora un grosso taboo, un fuorigioco che nessun guardalinee vorrebbe mai segnalare. Secondo Claudio Bellucci, ex giocatore del Bologna e della Sampdoria, “è tutto un problema di immagine. I calciatori devono mantenere quell’aria da maschio rude alla Gattuso per capirsi, ed è proprio per questo che non ammetterebbero mai di essere gay. Il sesso, gli eccessi, l’alcol, le donne sono una cosa vecchia che nel calcio e sempre esistita“.

Quando a parlare è poi un “insider“, le cose di fanno più serie e non si lesinano i dettagli anche pruriginosi che riguardano queste chimere del calcio: i calciatori omosessuali. Victory, alias di un giocatore che milita in una serie minore e che già in passato era stato il “gigolò” dei calciatori gay di serie A, torna a dire la sua sull’argomento: “Il calcio è pieno di bisex, ci sono più attivi che passivi. In Italia nessun calciatore ammetterà mai di essere gay, ci sono troppi condizionamenti sociali. A me capita spesso di andare con calciatori di serie A. A molti di loro piace fare sesso in gruppo anche con compagni di altre squadre. Alcuni sono nazionali. Fanno sesso per il puro piacere di farlo e non c’è seguito si ferma tutto ad una sera“.

Parla anche Efe Bal, una famosa transessuale che dice di aver avuto “rapporti” con il mondo del calcio. “Non c’è differenza tra il mondo dello spettacolo, della politica o quello del calcio” racconta a Quotidiano.netLe regole sono le stesse. Discrezione e libertà. Tutti cercano lo scandalo nei nomi dei giocatori famosi non sapendo che ci sono nomi importanti anche tra gli allenatori e presidenti. Sono proprio quelli più impensabili che avanzo le richieste più strane. C’è a chi piace guardare, e chi non disdegna invece un ruolo attivo. E c’è anche chi ricorre ad un aiutino“.

fonte: Quotidiano.net

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Leggi altro su:

Giovedì 24/02/2011 da - . - in ,

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su