Caso Concia, Fini: “Stessi diritti ai compagni gay dei deputati”

Caso Concia, Fini: “Stessi diritti ai compagni gay dei deputati”

Tra pochi giorni l'ufficio di presidenza della Camera prenderà una posizione circa il "caso Concia", dal nome dell'onorevole del Pd che ha chiesto il diritto all'assistenza sanitaria anche per la coniuge, la criminologa tedesca Ricarda Trautman. Alla Camera l'assistenza sanitaria è attualmente riconosciuta per i coniugi, i figli e anche per i conviventi di deputati e senatori.

Il presidente della Camera Gianfranco Fini, ospite alla presentazione del libro della Concia, ha dichiarato: "Ho garantito che la pronuncia avverra' entro fine legislatura. Ho chiamato l'ufficio di presidenza a pronunciarsi, non sara' semplice ma credo sia doveroso. Non si puo' nascondere la testa nella sabbia come gli struzzi".

Secondo Fini, "va risolta con una risposta, in un senso o nell'altro.Credo – aggiunge – che la pronuncia ci consentira' di compiere dei passi avanti.

E credo che, dopo le mie parole, avrete anche capito come la penso".

Giovedì 12/07/2012 da in , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su