Cassazione apre sulle famiglie di fatto. Ogni rapporto di mutua assistenza è ‘famiglia’

La parola ‘famiglia’ include tutte le coppie tra le quali sono “sorti rapporti di assistenza e solidarietà per un apprezzabile periodo di tempo”. È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione, per cui una coppia può rientrare nella definizione di ‘famiglia’ solamente grazie alla ‘stabilità del rappporto’.
I giudici della II Sezione penale (sentenza 40727) ricordano che il richiamo contenuto nell’art. 572 c.p. (che punisce i maltrattamenti in famiglia), “alla famiglia deve intendersi riferito ogni consorzio di persone fra le quali, per strette relazioni e consuetudini di vita, siano sorti rapporti di assistenza e solidarietà per un apprezzabile periodo di tempo”.

La decisione della Corte di Cassazione è stata presa in occasione del ricorso di Ledion T., un extracomunitario albanese, condannato nel 2006 dalla Corte d’Appello di Cagliari ad un anno e otto mesi di reclusione per aver maltrattato la famiglia, e per i reati di ricettazione e violenza privata.
La difesa dell’immigrato ha tentato di alleggerire la posizione in Cassazione puntando sul fatto che l’art.572 c.p. si dovrebbe applicare soltanto alle famiglie conviventi “more uxorio”. Piazza Cavour ha dichiarato inammissibile il ricorso e ha ricordato che “la tutela apprestata dalla norma penale si estende anche alle famiglie di fatto”.

Fonte: gaynews24

redazione@gay.tv

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su