Caster Semenya: istinti suicidi per le ipotesi di ermafroditismo

Caster Semenya, l’atleta sudafricana sottoposta a test per la verifica del proprio sesso da parte della Federazione Atletica Internazionale, continua a essere vittima della stampa e dei pareri medici.
I risultati dei test dovrebbero arrivare verso fine novembre, ma inspiegabilmente da giorni tutta la stampa mondiale titola “Caster è un ermafrodito”.
La madre dell’atleta ora accusa i medici di aver effettuato i test senza il permesso della figlia.

Secondo l’organizzazione dello sport sudafricana, sarebbero stati sottoposti allo stesso test 4-5 atleti quest’anno, ma solo il caso di Semenya è stato reso pubblico.
In tutto questo turbinio di difese e accuse la ragazza appena 18enne pare stia soffrendo molto questa curiosità mediatica, a cui non interessa la realtà, ma solo fare notizia.
Sempre da parte della stampa oggi è trapelato che un’equipe di psicologi sta seguendo Caster per monitorarla ed aiutarla con il trauma che sta vivendo perché rischia di avere istinti suicidi.
Il presidente della commissione sportiva del Sudafrica, Butana Komphela l’ha descritta come: “Una persona rapita, che ha paura di se stessa e che non vuole nessuno accanto. Il meglio che possiamo fare è proteggerla e starle vicino in questo periodo.”
Approfondisci>>

Fonte: Popcrunch,Repubblica

redazione@gay.tv

Mercoledì 16/09/2009 da in , , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su