Come smaltire l’acido lattico

acidolattico

Come smaltire l’acido lattico? Dopo un allenamento intenso è possibile che rimanga una grande quantità di acido lattico nei muscoli: si tratta di una sostanza prodotta dall’organismo durante il normale metabolismo. Il problema sussiste quando il corpo ha una carenza di ossigeno, ad esempio quando si pratica uno sport intenso; in questo caso l’acido lattico prodotto dai muscoli rimane inutilizzato e può provocare bruciore e la molecola viene poi trasformata dal corpo in glucosio.
Allora come fare a smaltire l’acido lattico?

Innanzitutto per cercare di evitare di incorrere in questo problema, ricordatevi sempre di riscaldare bene i muscoli prima di un allenamento e di iniziare con esercizi non troppo impegnativi per abituare il corpo. Evitate i bagni freddi, perché provocano una vasocostrizione della circolazione sanguigna, impedendo lo smaltimento dell’acido lattico.
Bevete molto durante l’allenamento: in questo modo vi manterrete ben idratati e il sangue riuscirà in modo più agevole a trasportare l’ossigeno fino ai muscoli sotto sforzo, è un ottimo sistema per prevenire il problema e sentirsi meno affaticati.

Se invece avete già fatto l’allenamento è l’acido lattico si è già sviluppato, per favorire lo smaltimento è necessario riposarsi o passare ad esercizi a bassa intensità di sforzo che favoriscano l’ossigenazione. Per evitare i dolori da sforzo eccessivo, che a volte richiedono l’assunzione di un antinfimmatorio, provate ad associare l’attività di defaticamento allo stretching.

Per stimolare la circolazione potete fare un bagno caldo: il calore dell’acqua allargherà i vasi sanguigni aiutando lo smaltimento.

Anche l’alimentazione può arrivare in vostro aiuto: infatti la vitamina C stimola il sistema epatico e le funzioni del fegato ed contenuta in molta frutta e verdura, in particolare i pomodori. Un aiuto può arrivare anche dal bicarbonato di sodio, che pare possa ritardare il senso di fatica, oltre a trovarsi anche nel nostro corpo con la funzione di trasportare l’acido lattico.

Venerdì 15/08/2014 da Chiara Necchi in

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su