“En el futuro” vince il Queer Lion 2010. VIDEO

Esistono pochi suoni riconoscibili dall’orecchio umano, da sempre. Il rumore del mare mosso, l’abbaiare di un cane, il suono dei baci. Lo schiocco della lingua, le labbra umide che si fondono. “En el futuro” è il monumento che il cinema argentino dedica al bacio. Tra uomo e donna, tra donna e donna, tra uomo e uomo. Inconfondibile, quel rumore, però, rimane sempre lo stesso, indipendentemente da chi lo da, da chi lo riceve.

Il film, diretto da Mauro Andrizzi, ha vinto il Queer Lion 2010 alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. La sequela dei baci, però, è un pretesto per poter dipanare l’intricata matassa delle relazioni sentimentali e degli episodi che ne sconvolgono gli equilibri.

Cosa faresti se scoprissi che la tua ragazza è in realtà un’attrice di film porno? E se avessi un amico che colleziona patologicamente foto di donne nude?

Lo sguardo è puro, il colore non serve, perché la forza delle storie e, soprattutto, dei silenzi può bastare. E, mentre la voce di un narratore si interroga sulla qualità dell’amore che lo circonda, oppresso dalla terribile sensazione di essere diventato una sorta di fantasma emotivo, gli eventi si susseguono inevitabili, e ci presentano un impietoso universo fatto di debolezze e carnale umanità. La nostra stessa carnale umanità.

Lunedì 13/09/2010 da in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su