Il matrimonio gay nel mondo, ecco tutti i Paesi dove è legale

matrimoni_gay francia

Ecco tutti i Paesi che hanno legalizzato i matrimoni gay e quando.

Paesi Bassi, 2001

Il primo Paese nel mondo a liberalizzare i matrimoni gay è la liberale Olanda.

Belgio, 2003

Spagna, 2005

I matrimoni gay sono legali anche nella cattolicissima Spagna.

Canada, 2005
Il Canada ha seguito l’esempio della Spagna e ha legalizzato i matrimoni gay nel 2005.

Sudafrica, 2006
Grazie anche al lavoro instancabile di Nelson Mandela per i diritti civili, il Sudafrica è stato il primo Paese africano a dire sì.

Norvegia, 2009
Svezia, 2009
Portogallo, 2010
Islanda, 2010
Argentina, 2010
Paese pioniere dell’America Latina, l’Argentina di Cristina Kirchner e di Papa Francesco ha riconosciuto i matrimoni gay nel 2010.

Nuova Zelanda , 2013
Primo Paese dell’Oceania e tredicesimo nel mondo a legalizzare i matrimoni gay. Ha approvato la legge nell’aprile 2013.

Danimarca, 2013
Nel lontano 1989 la Danimarca è stato il primo Paese al mondo ad approvare il registro delle unioni civili per gli omosessuali.

Uruguay, 2013
Il piccolo vicino dell’Argentina ha detto sì ai matrimoni omosessuali nell’Aprile di quest’anno. Il primo matrimonio è stato celebrato nell’agosto 2013.

USA, 2013
Il matrimonio gay è legale in 13 Stati (Connecticut, Delaware, Iowa, Maine, Maryland, Massachusetts, Minnesota, New Hampshire, New York, New Jersey, Rhode Island, Vermont, Stato di Washington e California) e nel distretto federale di Washington. Illinois e Hawaii hanno approvato la legge nel novembre 2013 e stanno aspettando l’entrata in vigore.

Brasile, 2013
Approvato nel maggio 2013 il matrimonio gay è legale in uno dei Paesi più omofobi del Sudamerica.

Messico, 2013
Anche alcune aree del Messico, inclusa la capitale Città del Messico, hanno approvato i matrimoni gay.

Francia, 2013
Gran Bretagna, 2013
Scozia, 2014
Lussemburgo, 2014
Finlandia, 2014

Irlanda, 2015
In seguito a referendum popolare, anche la popolazione della cattolicissima Irlanda dice Sì.

USA, 2015
La Corte Suprema dichiara che il matrimonio è un diritto costituzionale per TUTTI i cittadini e di conseguenza vieta ai singoli Stati di impedirlo o disconoscerlo.

Italia, 2015? … Speriamo.

Martedì 24/12/2013 da - . - in

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su