Iran: primo matrimonio transessuale

Nemmeno il paese degli Ayatollah, delle punizioni “legalizzate” contro gli omosessuali, del fondamentalismo religioso può fermare un amore.
Nemmeno quando il sentimento è vissuto da una ragazza e dal suo fidanzato transessuale FtM. Shaghayegh ha conosciuto Ardashir ( entrambi pseudonimi dati dalla stampa) 12 anni fa all’inizio della scuola, sono diventate amiche in adolescenza e poi si sono innamorate.
Il loro rapporto si è definitivamente consolidato all’università dove anche i loro compagni erano a conoscenza della loro relazione.
Finita l’università Ardashir decide di intraprendere una transizione rimandata per troppi anni, così inizia il trattamento ormonale e le operazioni per avvicinarsi alla sua identità maschile.
Nel frattempo Shaghayegh determinata a sposare l’amato si scontra con la famiglia che per paura dei giudizi esterni le vieta di contrarre matrimonio.
Di fronte a questo divieto Shaghayegh non si arrende e arriva fino in tribunale dove nemmeno il giudice di Theran trova motivazioni valide per cui lei non dovrebbe sposare il suo uomo, visto che Ardashir sta terminando la transizione e che la legge lo consente.
“Ardashir e io siamo stati insieme fin dall’adolescenza e sappiamo molto bene cosa siamo l’una per l’altro. Questa familiarità può renderci felici“, dice la ragazza durante il processo.
Ma ora manca la benedizione del padre, richiesta per legge, e che arriverà, come richiesto dalla famiglia di lei, solo previa visita medica a cui Ardashir dovrà sottoporsi per dimostrare che non ci saranno “problemi” nei rapporti coniugali tra i due.

redazione@gay.tv

Lunedì 14/09/2009 da in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su