La classifica dei paesi dove i gay vivono meglio in Europa

La classifica dei paesi dove i gay vivono meglio in Europa

ILGA-Europe ha pubblicato il suo primo rapporto annuale sulla situazione dei diritti umani di Lesbiche, Gay, bisessuali, persone Transessuali e Intersessuali in 49 paesi europei in occasione della celebrazione della Giornata internazionale contro l’omofobia alla presenza del Commissario Europeo agli Interni Cecilia Malmström (CLICCA QUI PER SCARICARE IL RAPPORTO COMPLETO SUL SITO DI ILGA).

I paesi sono stati analizzati secondo il rispetto di 42 fattori inseriti all'interno di categorie che vanno dal diritto di asilo alle leggi anti-discriminazione, dal riconoscimento della famiglia e delle unioni alla libertà di associazione.
Dal documento emerge che nessuno Stato europeo da piena uguaglianza giuridica alle persone LGBTI. I paesi che si comportano meglio, in una scala da -12 a 30 sono: la Gran Bretagna (21 punti), si aggiudica il primo posto della classifica come miglior paese eurpeo in cui vivere per un gay. Seguono Germania e Spagna (20 punti ciascuno), Svezia (18 punti), Belgio (17 punti).

10 paesi si collocano invece nell’area negativa non rispettando nemmeno gli standard base in materia di diritti umani: Moldavia e Russia (-4,5 punti ciascuno) e ricordiamo che la Russia ha recentemente approvato una legge che mette al bando la "propaganda" gay. Armenia, Azerbaijan, Macedonia e Ucraina (-4 punti ciascuno). Monaco, San Marino e Turchia (-3 punti ciascuno). Bielorussia e Liechtenstein (-1 punto ciascuno).
L’Italia – senza una legge contro l’omofobia e le discriminazioni, senza alcun riconoscimento giuridico delle coppie gay e con l’obbligo di sterilizzazione chirurgica per cambiare legalmente nome e genere – ottiene solo 2,5 punti collocandosi al di sotto di Andorra e Lituania e appena al di sopra di Estonia, Grecia, Kossovo e Polonia.

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Leggi altro su:

Venerdì 18/05/2012 da in ,

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su