Liguria: terapie gratis per le persone transgender

In un clima nazionale di tensione e di opposizione alla legge antiomofobia, una regione italiana si muove fuori dal coro.
La Liguria ha messo ai voti una legge “contro le discriminazioni determinate dall´orientamento sessuale o dall´identità di genere”, che mercoledì sarà in commissione consiliare e a fine mese andrà al voto definitivo del consiglio.
Cristina Morelli, capogruppo dei verdi, ha presentato la proposta di legge insieme a Carlo Vasconi, e dichiara che: “Proprio dopo le polemiche nazionali, mi aspetto che nessuno voti contro: è una legge di civiltà”.
La capogruppo si rivolge soprattutto ai suoi colleghi del centrosinistra: “mi rendo conto che vicino alla campagna elettorale qualcuno preferisce non esporsi e allora piuttosto esca dall´aula ma non voti contro”.
L’esame della legge aveva iniziato il suo percorso ad agosto: “quando il testo era stato inviato al governo che ci ha chiesto una serie di approfondimenti in particolare sul costo delle terapie ormonali: dai dati che abbiamo, per la sanità si tratterebbe di una spesa intorno ai 40 mila euro all´anno, per i circa 70 transessuali liguri. Considerato che chi non si sottopone alle terapie ormonali cade in depressione e rischia altri problemi, per i costi della sanità c´è un pareggio” racconta Morelli.
E aggiunge: Se non arriverà da Roma prima della prossima settimana la risposta del tavolo di monitoraggio che segue la Liguria per i conti della sanità toglieremo la parte delle cure ormonali per evitare bocciature. Se vinceremo le elezioni basterà ripresentarla con una delibera a parte“.

Fonte: Gaynews

Lunedì 19/10/2009 da in , , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su