Marco Mengoni, bacio gay e lesbico nel video di Io Ti Aspetto: GUARDA

Marco Mengoni bacio gay

Baci, baci etero, baci gay, baci lesbici: il nuovo video di Marco Mengoni, Io ti aspetto, è una celebrazione gioiosa dell’amore in tutte le sue forme. Guarda:

Protagonista del bacio gay una nostra vecchia conoscenza: Maurizio Fiorino, che avevamo intervistato all’uscita del romanzo di esordio Amodio. E che ha raccontato l’esperienza in uno status su Facebook:

“Quando due mesi fa mi è stato chiesto di fare una piccolissima parte nel video di Marco Mengoni ho pensato che non fosse il caso, ero nel pieno della scrittura del mio nuovo romanzo e non avevo testa che per lui, poi mi è stato detto che avrei dovuto baciare un ragazzo, e ho accettato subito. Uno, perché mi sono sentito all’istante Rossy De Palma con Almodóvar, ruoli piccoli che lasciano il segno, due, perché il regista del video è il mio migliore amico, Luca Finotti, ma anche un’artista di una sensibilità talmente forte che sale fino alle pareti del cielo e anche più su, tre perché arriva un momento nella vita in cui è necessario metterci la faccia, e io c’ho voluto mettere anche la lingua. In un bacio tra due ragazzi molti di noi non ci trovano nulla di male, ma per ognuno di noi che non ci trova nulla di male ce ne sono almeno dieci a cui fa schifo. Ve lo assicuro. La sconfitta che più mi ha ferito in questi mesi è stata dopo l’uscita di “Amodio”. Mi hanno scritto in tantissimi dal sud Italia, dicendomi che non è cambiato niente, che hanno paura perfino ad ammetterlo di essere gay, figurati a baciarsi. Non tollero più la gente omofoba, così come il razzismo, il sessismo, l’odio contro le donne e gli stranieri. I diritti sono universali, di tutti, questo per fortuna l’ho capito da anni, se uno mi offende (o crede di offendermi) chiamandomi frocio, offende me ma anche il mondo tutto, compreso se stesso.

Forse, anzi, prima di tutto offende sé stesso. Per quanto riguarda il making of del video, le riprese sono avvenute su un tetto di Milano, a Porta Romana, sotto l’acqua. Il mio partner è Raphael, un bono nato nel sud della Francia, vive a Los Angeles e sì, se proprio lo volete sapere, bacia alla francese. È stato un bacio liberatorio, una delle cose di cui vado più orgoglioso in vita mia, e mentre giravamo pensavo che un giorno tutti potranno baciarsi ovunque e con chiunque, perché l’amore vince sempre, vince su ogni cosa.”

Venerdì 29/05/2015 da alicema in

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su