Matrimoni gay in Inghilterra: la battaglia di Cameron e lo spot dei militari che commuove il web [VIDEO]

Matrimoni gay in Inghilterra: la battaglia di Cameron e lo spot dei militari che commuove il web [VIDEO]

"Se la questione andrà avanti cambierà quello che accade in un'anagrafe; non cambierà quello che accade in una chiesa" così David Cameron, premier britannico aveva tranquillizzato – o cercato di tranquillizzare – i leader religiosi durante il suo discorso nel giorno di Pasqua.

Dopo Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Norvegia, Portogallo e Islanda, l'Inghilterra potrebbe essere il settimo paese europeo a dire sì ai matrimoni gay. E' attualmente in discussione la 'Equal civil marriage: a consultation',una consultazione pubblica appoggiata da Cameron che consta di 22 pagine che saranno analizzate fino al 14 giugno per capire come cambieranno le attuali civil partnership e in cosa consisterà il matrimonio civile.

[VideoID=4b7f887b-ff4a-4420-af2b-d66d56f5fc06]

La posizione della Coalition for Equal Marriage
In attesa di una decisione definitiva è accesa la battaglia dellaCoalition for Equal Marriage, organizzazione condotta da una coppia gay di Newcastle e sostenuta da organizzazioni LGBT come Humanistic Society, Gay Times e the National Secular Society: la loro campagna ha finora portato 40 mila firmatari alla petizione per l'uguaglianza ma la battaglia, nonostante il sostegno del governo, sara' tutt'altro che facile.
Tra le iniziative della Coalition spicca il video virale, datato 24 aprile, girato dal giovane regista Mike Buonaiuto che nel commentarlo dice:"Un giorno voglio sposare il mio fidanzato con cui sto insieme da 5 anni. E la celebrazione della nostra unione non dovrà essere niente di diverso rispetto a quella delle coppie etero". Nel video una coppia di militari gay si ritrova e decide di sposarsi: negli occhi abbiamo ancora il vero bacio gay tra il marines e il suo compagno che aveva fatto il giro del web.
La posizione del governo
Theresa May, segretario di Stato per gli Affari Interni e ministro per le Pari Opportunita', e Lynne Featherstone, sottosegretaria all'Interno con delega alle Pari Opportunita' hanno detto nella presentazione:
Non è giusto che una coppia che si ama e vuole formalizzare un impegno reciproco deve vedersi negato il diritto di sposarsi. Ecco perche' siamo qui oggi, lanciamo questa consultazione per cercare le vostre opinioni su come poter rimuovere il divieto al matrimonio civile per coppie dello stesso sesso in un modo che possa funzionare per tutti. E' chiaro che non ci saranno cambiamenti su come le organizzazioni religiose definiscono e solennizzano i matrimoni religiosi cosi' come resteranno le unioni civili per le coppie omosessuali. Il governo non vuole interferire nella vita delle persone, si tratta di offrire una scelta per la nostra societa' moderna.
La posizione della Chiesa anglicana
Nel giorno di inizio della consultazione il 15 marzo la Chiesa d'Inghilterra ha pubblicato una nota:
La Chiesa d'Inghilterra e' impegnata nella concezione tradizionale dell'istituzione del matrimonio come tra un uomo e una donna e sostiene il modo in cui le unioni civili offrono a coppie dello stesso sesso una parita' di diritti e responsabilita' rispetto alle coppie eterosessuali sposate.
Un'apertura del matrimonio alle coppie dello stesso sesso conferirebbe poco o nessun nuovo diritto legale a coloro che gia' sono legati da un'unione civile, ma richiederebbe molte modifiche alla legge, con il cambiamento della definizione di matrimonio che varrebbe per tutti.
Intanto, a 10 anni dalle civil partnership, in Inghilterra 687 coppie gay, tra cui Elton John e David Furnish, si sono unite civilmente.

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Leggi altro su:

Lunedì 30/04/2012 da in ,

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su