Lui mi ha lasciato perché “non mi ama abbastanza”: La Posta del Cuore

Posta del Cuore gay

Ciao Steve,
Sono Carlo, ho 25 anni e sono appena stato lasciato dal ragazzo che credevo fosse quello giusto, quello vero, quello che non sarebbe potuto essere sostituito da nessuno.
Non voglio certo raccontarti tutta la nostra storia insieme, quindi la riassumo brevemente, e ti pongo il mio quesito. Dopo un anno e mezzo che ci frequentiamo, questo fantastico ragazzo mi ha lasciato di punto in bianco perché lui non si sente “abbastanza preso”, ha quindi preferito allontanarmi, in modo da non ferirmi ulteriormente.
Sono certo di non essere il primo che ti scrive per una questione così, tuttavia avevo bisogno di un posto dove sfogarmi, e spero che tu potrai darmi qualche consiglio. Ho saputo che anche lui sta molto male, e continua a piangere con tutti quelli che mi nominano in sua presenza, quello che quindi non capisco è il perché lui abbia preferito andare verso il nulla, piuttosto che preservare quel piccolo sentimento che ci univa.
Vorrei fare una follia d’amore, mandargli centro rose o farmi trovare sabato mattina alla stazione prima che parta per la trasferta di lavoro per fargli capire che ho la forza di volerci riprovare, dargli un segno che io sono innamorato veramente, dimostrargli che se lui contro se stesso vuole allontanarmi, io non mi arrendo, ma poi penso che questo rivederci così indotto da me possa fare male ad a entrambi per altri innumerevoli giorni. Non lo so, non lo so. Tu cosa faresti?

—-
Di solito, almeno per esperienza personale, i grandi gesti non portano a grandi risultati. Lo so che sembra assurdo, ma i più li vedono eccessivi, sciocchi, inutili. Vedono nel “grande gesto” la semplice dichiarazione che loro non l’avrebbero mai fatto, che noi siamo molto più presi, che hanno fatto bene a chiudere perché loro non lo sarebbero stati mai.
Caro Carlo, come tante volte ho detto, gli uomini sono creature semplici e se lui ti ha detto apertamente che non è pronto ad andare avanti, e che non vuole ferirti oltre, potrebbe essere che stare senza te sia davvero quello che vuole. Certo: è strano, ma talvolta si capisce che la nostra sofferenza per un periodo limitato di tempo, è una cosa che serve. Ogni tanto abbiamo bisogno di stare un po’ da soli, di capire cosa succede. Forse alla fine di questo anno e mezzo che è passato, si è reso conto che non è ancora “il grande amore” il vostro, almeno per lui.
Purtroppo, dico io.

E so che sono parole dolorose da leggere, perché nessuno vorrebbe mai sentirle.
Alcuni di noi pensano che il “grande gesto” sia la chiave per risolvere il problema, per dimostrare veramente che all’altro ci teniamo, che non vogliamo vivere senza lui: I film, le serie tv, i libri di fiabe, spesso usano questo escamotage per farci vedere che l’amore trionfa, come se null’altro al mondo potesse sostituire un bel gesto d’amore per rimettere tutto “al suo posto”.
La realtà è ben diversa: Purtroppo spesso invece i nostri sforzi servono a poco. Per quanto ci impegniamo a stupire, in realtà spesso non facciamo che peggiorare le cose. Finiamo facendoci vedere ancora più assillanti, facendo credere che stiamo ancora troppo male per andare avanti con la nostra vita, e spesso è così. Ti capisco perfettamente perché ci son passato anche io qualche volta.
Gli uomini sono creature semplici, e se lui non capisce cosa sta perdendo (e di tempo per conoscerti ne ha avuto parecchio) prova a lasciarglielo perdere. E’ difficile, anzi difficilissimo, ma cerca di tornare prima possibile alla tua vita: sorridi, esci con gli amici, ed evita di buttarti in una serata alcolica dietro l’altra.
Evita di spendere intere serata parlando solo di lui, di quanto stavate bene insieme e di quanto ti senti perso senza di lui, perché non è così che lo riavrai tra le tue braccia, e invece è così che annoierai a morte i tuoi amici. Se ci pensi nessuno esce con qualche amico, per sentirsi pervadere tutta sera dalla tristezza, al contrario saranno ben felici di fare qualcosa di diverso: andare al luna park, in qualche parco divertimenti, o a scoprire nuovi club e bar. Insomma: uscire e cercare di aiutarti a distrarti, che è la cosa di cui hai più bisogno.
Prova a staccare anche tu la spina per un po’, cercando di trovare il modo di far qualcosa che ti permetta di non pensare. All’inizio probabilmente ti sforzerai di sorridere anche per le cose più divertenti, un poco alla volta invece ti renderai conto che quel sorriso è sempre meno finto, e sempre più vero.
Magari prova a cambiare qualcosa di te per cercare di rivederti “bello”, perché dopo una rottura così non è facile per nulla riuscire a guardarsi allo specchio e non sentirsi completamente dei mostri, delle persone che nessuno riuscirà mai ad amare.
La vita è breve anche nella sua versione più lunga, quindi vivi, senza perdere un solo attimo.
Un abbraccio,
Steve Pik

Vuoi chiedere un consiglio a Steve? Scrivigli: redazione.gaytv@gmail.com
Segui Steve su THOSE MEN o su Facebook

Lunedì 06/07/2015 da alicema

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su