Miguel Bosè a Babilonia: sono trisessuale [FOTO]

Miguel Bosè a Babilonia: sono trisessuale [FOTO]

LEGGI TUTTE LE NEWS SU MIGUEL BOSE: CLICCA QUI

Papito è trisessuale. A coniare il nuovo termine è il cantante Miguel Bosè, icona trasgressiva e androgina del panorama musicale degli anni Ottanta e Novanta, in una irriverente intervista al mensile omosessuale Babilonia.

SI TU NO VUELVES

[VideoID=e7a6d39a-f15b-4c35-a1f9-8064b86fcf5d]

Alla curiosità dell'intervistatore che gli chiede sulla sua presunta omosessualità, il cantante madrileno sbarcato a Milano per promuovere il suo nuovo album 'Papito', risponde: "Lasciamo le cose come stanno o come vogliono essere pensate. Dare spiegazioni sulla mia sessualità non serve a nulla. Mi è successo un bel giorno di trovarmi ad essere gay; poi sono arrivate le donne. Sono diventato bisessuale e, una volta esaurita anche questa opzione, altre domande. Esaurita oramai ogni altra scelta, per me e voi non mi resta che dire: sono trisessuale". Cosa vuol dire?, chiede Babilonia. "Non lo so – risponde Bosè – ma ho ancora un altro asso nella manica: la zoofilia".

BRAVI RAGAZZI

Non solo di musica parla Babilonia con Miguel. Quanto gli è familiare la Spagna di Zapatero? "Certamente molto di più di quella di Aznar: sono socialista da sempre". Ancora più duro lo è nei confronti della Chiesa lo scontro sui temi etici e omosessuali: "La Chiesa non fa testo, non è un riferimento e non dovrebbe esserlo". Anche sulle manifestazioni contro i diritti omosessuali, Bosè è netto con Babilonia: "Questi manifestano, però poi concedono il perdono a chi si macchia di orrori come la pedofilia. E leggiamo spesso che queste cose succedono proprio all'interno della Chiesa. In una democrazia tutte le alternative devono essere legalizzate, in maniera che quando sono esercitate non siano condannate. Stiamo parlando di affetti, di amore. Insomma: stessi diritti per tutti i cittadini! O altrimenti facciamo una cosa: dobbiamo avere il diritto di non pagare più le tasse, voi e noi che vi sosteniamo". Nella lunga intervista con il mensile storico degli omosessuali, Miguel Bosè si lascia trascinare anche a qualche ricordo dell'infanzia, quando la sua casa madrilena era rifugio di personalità del calibro di Luchino Visconti, Hemingway, Ava Gardner, Orson Welles e tanti altri.

TE AMARE' CON LAURA PAUSINI

[VideoID=e9abdc2d-3083-481a-9154-77bbabcdd254]

'Papito' uscirà in Italia l'11 maggio. Contiene 16 brani: 14 grandi successi di Bose' riarrangiati e ricantati in duetto con grandissimi interpreti internazionali (tra cui Shakira, Ricky Martin, Michael Stipe, Laura Pausini, Juanes, Paulina Rubio e Julieta Venegas) e 2 hit rivisitate da Bose' in duetto con Mina (''Agua y sal'') e con Noa (''La vida es bella''). Tutti gli ospiti che hanno cantato nel disco hanno personalmente scelto i pezzi ai quali regalare la loro voce. Quando Miguel ha ascoltato Laura Pausini cantare 'Te amaré' ha pianto, "l'ha interpretata in modo sublime, mi son venuti in mente ricordi della prima fase della mia carriera". Michael Stipe invece è un suo amico di vecchia data, il sogno del front man dei REM era poter cantare in spagnolo e Bosè lo ha accontentato.

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Leggi altro su:

Lunedì 18/02/2013 da in ,

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su