SANTI, MARCHETTE E ICONE POP NEL PARADISO KITSCH DI PIERRE & GILLES


Periferia parigina. Asfalto, case dalle facciate giallastre e pezzi di terra trasformati in orti. Ma appena Pierre e Gilles aprono il portone la scena cambia: luci rosa e arancioni, una cascata di paillettes e fiori artificiali e sul muro orologi a cucu, ex-voto e pagine di Cinemonde. Qui e là cuscini viola, barbie e sculture instabili.









GIOCA AL TEST DI PIERRE E GILLES >
Attraverso il variopinto e languido mondo che scaturisce dai ritratti di Pierre et Gilles, un test che ti catapulta nel tuo universo di colori, di scelte, di decisioni, grandi e piccole, leggere e impegnative. Per capire, giocando, qual è l’arcobaleno che hai in testa.


Questo è l’universo che ritroviamo nelle loro fotografie verniciate. Nelle opere di Pierre il fotografo e di Gilles il pittore che nel 1976 si incontrarono ad un party di Kenzo e decisero di vivere e lavorare insieme. 30 anni che Parigi ha deciso di celebrare con un’esposizione al museo di Jeu de Paume a Place de la Concorde dal 26 giugno al 23 settembre.

120 opere della loro infinita produzione che vede la cultura popolare fondersi a quella gay, al porno e alla religione. Santi, marchette ed icone pop che popolano un mondo pieno di fiori finti e dove il peccato non esiste. C’è Gesù e San Sebastiano ma anche Marylin Manson, Madonna, Kylie Minogue e Jean Paul Gaultier. E per la prima volta sarà esposto anche l’insieme dei loro autoritratti.


redazione@gay.tv

Giovedì 28/06/2007 da in , , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su