Transessuale, transgender, cisgender & co: facciamo chiarezza con le definizioni!

Trans Pride1

SESSO o SESSO BIOLOGICO (O GENETICO)
Insieme di caratteristiche genetiche (cromosomi XX o XY) e di caratteri sessuali primari (vagina e utero, pene e testicoli) e secondari (barba, seno, mestruazioni) che consentono di stabilire se un individuo è maschio o femmina o ha caratteristiche di entrambi i sessi. Il sesso biologico/genetico è assegnato alla nascita (e stabilito anche prima della nascita) a ogni individuo.

GENERE
Rappresentazione culturale e sociale del proprio status di uomo/donna, attraverso comportamenti, atteggiamenti, scelta di ruoli, linguaggio eccetera. Non coincide con il sesso biologico.

IDENTITA’ DI GENERE
Tutti sentiamo di essere maschi, o femmine (o entrambi, o nessuno dei due). Questa sensazione, profondamente radicata in ogni individuo, si chiama identità di genere. E’ il senso di appartenenza al genere maschile o femminile o a entrambi o a nessuno, ed è importante capire che non sempre coincide con il sesso biologico/genetico assegnato alla nascita.

Tra le varie identità di genere:

CISGENDER
E’ l’identità di genere di un individuo che sente di appartenere al sesso biologico/genetico assegnato alla nascita. In pratica, una persona il cui sesso assegnato alla nascita è il sesso con cui si identifica per il resto della vita.
Ad esempio una persona nasce, viene riconosciuta come “femmina” e crescendo si identifica in una femmina.
Non è “normale”: è solo più comune.

TRANSGENDER
L’identità di genere di un individuo che sente di non appartenere al sesso biologico/genetico assegnato alla nascita, ma al sesso opposto.
Per esempio, una persona nasce e viene identificata come femmina, ma crescendo sente di essere un maschio.

Trans Pride1

TRANS*
L’asterisco è un segno grafico che rende il termine “trans” ombrello e abbraccia la complessità dell’universo transgender/genderqueer.

GENDERQUEER
E’ l’identità di genere di un individuo che non si riconosce nell’opposizione binaria maschio/femmina. Le persone genderqueer pensano che l’identità di genere esprima uno spettro infinito di possibilità. E’ un termine ombrello, che comprende varie sfumature. Ad esempio e per semplificare, i genderfluid si sentono a volte maschi a volte femmine.

AGENDER
E’ l’identità di genere di un individuo che sente di non appartenere né al sesso maschile né a quello femminile. Le persone agender desiderano che si parli di loro, ove possibile, utilizzando il neutro.

Trans Pride

TRANSESSUALE
Persona transgender che decide di operare una transizione verso il sesso a cui sente di appartenere intimamamente. Questo è reso possibile nella pratica,con terapie ormonali e chirurgia genitale, ma anche adottando abbigliamento e caratteristiche tipiche del sesso opposto.
“Transessuale” indica qualsiasi momento del periodo in cui avviene il passaggio.
Avvenuto il passaggio, la persona sarà diventata, anche fisicamente, uomo o donna.

TRANS
Abbreviazione di transessuale.

TRAVESTITO, TRAVESTITA
Persona transgender che prova piacere a indossare vestiti tipici del genere opposto al suo. Un uomo che si veste come una donna o una donna che sceglie abiti maschili.

FtM
Persona transessuale il cui sesso biologico/genetico assegnato alla nascita è femminile, che decide di operare una transizione verso il sesso maschile.

MtF
Persona transessuale il cui sesso biologico/genetico assegnato alla nascita è maschile, che decide di operare una transizione verso il sesso femminile.

DRAG QUEEN
Persona nata come maschio, che sia transgender o cisgender, a volte anche transessuale, che decide di esibirsi in vesti femminili. Il termine è strettamente legato all’interpretazione di un personaggio, un alter ego del sesso opposto, che vive solo nel momento in cui fa spettacolo.

DRAG KING
Persona nata come femmina, che sia transgender o cisgender, a volte anche transessuale, che decide di esibirsi in vesti maschili. Il termine è strettamente legato all’interpretazione di un personaggio, un alter ego del sesso opposto, che vive solo nel momento in cui fa spettacolo.

INTERSESSUALE
Termine ombrello con cui si definiscono le persone i cui cromosomi sessuali non sono definibili esclusivamente come maschili o femminili.
Una persona intersessuale puo’, inoltre, manifestare caratteristiche anatomiche sia maschili che femminili (ermafroditismo).
Una persona intersessuale può essere cisgender, transgender, genderqueer come tutte le altre.
Nascere intersessuali NON significa sentirsi sia maschio sia femmina.
La chirurgia “correttiva” sulle persone intersessuali, che veniva praticata poco dopo la nascita in modo da assegnare il genere maschile o femminile, è caduta in disuso. Si preferisce aspettare la pubertà, quando l’identità di genere dell’individuo intersessuale si manifesterà con più chiarezza.

TEORIA DEL GENDER
Quello di “teoria del gender” è un concetto creato dall’estrema destra religiosa fondendo le definizioni di “gender studies” e “queer theory”. Il risultato è una presunta “gender theory”, che però, al di fuori di questo contesto, non esiste, e non è mai stata teorizzata da nessuno. (Da Wikipink).
I “gender studies” o studi di genere sono studi, nati negli anni ’60, riguardanti la sessualità e le imposizioni culturali che vengono assegnate ai sessi (il classico “stereotipo di genere” per cui un maschio deve vestire di azzurro e una femmina di rosa, un maschio non deve piangere ecc).
Questi studi hanno distinto tra “sex” e “gender” identificando con il primo il sesso biologico/genetico e con il secondo le sovrastrutture culturali che creano lo status uomo/donna (ci sono cose che una donna non può o non dovrebbe fare, carriere più idonee a un genere piuttosto che a un altro, eccetera).
La “queer theory”, invece, nata all’inizio degli anni ’90, mette in discussione la categorizzazione degli individui in base al genere e all’orientamento sessuale (evidenziando la limitatezza dell’opposizione omosessuale/eterosessuale) e sostiene che identità di genere non sia (completamente o in parte) innata.

Si dice UN trans o UNA trans?
In questo caso è semplice: UN trans è un uomo, UNA trans è una donna (prevale il sesso verso cui la persona sta tendendo).

QUEER
Termine ombrello con cui si indicano tutte le persone che rifiutano le tradizionali etichette di genere (maschio/femmina) o di orientamento sessuale (etero/gay/lesbica/bisessuale).

DOMANDE INDELICATE DA FARE A UNA PERSONA TRANSGENDER/ TRANSESSUALE:

1. QUAL E’ IL TUO VERO NOME?
Molte persone transgender decidono di cambiare il nome che è stato loro assegnato alla nascita, in favore di uno che rifletta meglio la loro reale identità di genere. Il loro “vero” nome è il nome con il quale si presentano!


2. MA SEI PROPRIO UOMO (DONNA) AL 100%?
Dobbiamo anche spiegarvi perché si tratta di una domanda indiscreta?


3. PUOI AVERE FIGLI?
Le persone transessuali possono avere figli fintanto che non intraprendono terapie ormonali o non si sottopongono a chirurgia genitale. Naturalmente, se chiedete a un FtM se desidera avere il pancione e partorire, visto che si tratta di una persona che si identifica come uomo, la risposta potrebbe non essere educata…

Vedi anche:

Transessualità: quanto ne sai? TEST!
Cos'è un FtM?
  • Una donna biologica che transiziona verso il genere maschile
  • Una donna in cerca di uomini
  • Un uomo gay che ama travestirsi da donna
Rispondi

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

1
2
3
4
5
6
PIU' LETTI
9
10
torna su